Carrello - 0 €
La gente che vene da fori

La gente che vene da fori

Un giorno me ne stavo lì a pensare,
che ‘na macchina da fori vidi arrivare,
era ‘na famigliola de città
‘n babo, ‘na mamma e tre figli d’arlevà.
Appena scesi, se so stirati
e ‘n camminandosi me pareon n’briachi
dissero tra loro: “senti che arietta
che ‘sti burini han da respirare,
n’è come la nostra ch’è ‘mperfetta
piena de smog e fumo, pare ‘na fetta.
N’avranno ‘na lira ma che ci vuoi fare
stasera fanno festa, e manco ce fan pagare”.
Je risposi io in romanesco:
“Stasera è festa, per te nò la facciamo
perché sete scappati da la galera,
apposta famo festa questa sera,
è la festa del Maggio e nun se paga
se magna, se balla, se beve n’quantità
perché sapemo che quando a n’carcerato
je danno ‘l via pe la libertà
lui è scannato e n’c’ha ‘n soldo per pagà.
Allora noi che semo dei burini
e c’hanno ‘mparato la compassione
tutte le volte cojemo l’occasione,
famo le feste e nun famo pagà”.

Sigillo, 20 Maggio 1992