Carrello - 0 €
L’aria de Monte Cucco

L’aria de Monte Cucco

L’altra sera semo andati su da Brando
eramo quattro o cinque e n’vagabondo.
C’erano de fori, un po’ de Roma
che ce l’avevano coi sigillani.
Han detto che per venì a mò de monte
sembra che l’Comune vole fa pagà la tangente,
l’peggio è per voi albergatori
che i turisti n’vengano più da fori.
L’vagabondo te se mise a guardare
sti villeggianti con ‘na faccia n’pò scura,
ce domandammo, amò che vorrà fare
e n’conoscendolo, ce mise paura.
Un gran respiro e disse, che freschezza
che se respira qui a Monte Cucco,
voi che state a Roma, non fiatate
che stà bon aria qui, ce n’quinate,
io per venì a Roma a respirare
tutto l’inquinamento che c’avete
sull’autostrada m’han fatto pagare
ed ho pagato per sentimme male.
Sete arrivati, erate pallidini
ete magnato, buto e sete felini,
che l’sangue vostro s’è già rigenerato
da la bon’aria ch’ete respirato.

Gubbio, 08 Febbraio 1994